HASHISH LEGALE

L’hashish legale è materiale vegetale allo stato puro. Si tratta di una resina che contiene altissime percentuali di CBD. Un prodotto biologico, che non contiene THC, o se lo contiene, sempre in minime parti consentite secondo termini di legge. Non contenendo delta-9-tetraidrocannabinolo, non crea assuefazione, dipendenza né altera, in alcun modo, le percezioni psico-fisiche delle persone. È un prodotto 100% naturale le cui origini sono antichissime, tanto quanto quelle della marijuana stessa. Il termine hashish deriva dall’arabo ﺣﺸﻴﺶ ḥašīš e la traduzione nella nostra lingua potrebbe suonare simile alla parola “erba”. In Arabia ha trovato le proprie origini, quando comparve per la prima volta attorno al X secolo. Recenti studi hanno portato infatti alla luce che i primi utilizzi di questa sostanza risalgono, più o meno, attorno al XI secolo. Da quel momento in poi l’utilizzo di questa sostanza si è sempre trovata al centro di vivaci e numerosi dialoghi tra i vari legislatori musulmani.

Dal Medio Oriente all’Europa

Il viaggio nella storia dell’hashish legale risale secoli e colma distanze davvero impressionanti. Oltre a spostarsi nel tempo, questa sostanza ha percorso anche numerosi km in termini di diffusione. All’inizio era conosciuta ed impiegata solamente in Arabia, ma ben presto, le sue caratteristiche furono note e si diffusero anche a tutto il resto del Medio Oriente a partire dal XIII secolo. Questa rapida diffusione è stata possibile grazie alle conquiste mongole guidate dal famoso Gengis Khan. Le scorrerie dei mongoli riuscirono a portare l’hashish addirittura in Russia e in Asia Centrale.

Da lì all’Europa il passo fu breve. Nel XIX secolo l’uso e l’abuso dell’hashish in Europa aveva già raggiunto livelli estremi. In Francia, in particolare, questa sostanza era gradita ed utilizzata quasi quotidianamente per diletto e svago personale. I francesi, soprattutto gli artisti, la trovavano molto interessante, così tanto da arrivare a fondare un Club des Hachichins, che aprì i battenti nel remoto 1843, facendo impazzire di gioia l’intera Parigi. In questo locale l’hashish era usato per scopi ricreativi e per piacere personale. In questo modo però la sua diffusione raggiunse anche medici e ricercatori, che arrivano finalmente a scoprire una sostanza davvero incredibile anche per la medicina. Dottori e ricercatori quindi si affacciarono su una nuova realtà che li mise a conoscenza degli svariati effetti terapeutici che questa sostanza possedeva.

Hashish Legale: Charas

Il Charas è un particolare tipo di hashish legale. Trae le sue origini nella misteriosa e affascinante regione himalayana dell’India. Al pari dell’hashish comunemente conosciuto, anche il Charas vanta una storia antica che lo ha portato, nel corso dei secoli, ad essere spesso confuso (anche terminologicamente parlando) con l’hashish.

 

In realtà hashish legale e charas non sono la stessa cosa. Quello che differenzia l’uno dall’altro è la produzione stessa del prodotto. In pratica l’hashish legale è prodotto da piante di cannabis vive, mentre le altre tipologie provengono da piante di cannabis raccolte e quindi morte.

Hashish legale: come si produce

L’hashish legale è un prodotto naturale e biologico. La sua produzione è molto semplice e al tempo stesso richiede molto tempo affinché il prodotto finale possa vantare un’elevata qualità. L’hashish legale si ottiene attraverso lo strofinamento delle cime delle piante di canapa, tra le mani. Quando la pianta di canapa produce semi e questi si trovano all’apice della loro maturazione, è il momento di iniziare la raccolta di hashish. In questa fase della loro crescita, infatti, i semi e le piante di marijuana sono particolarmente ricchi di resina. Questo materiale rimane attaccato facilmente alle mani quando queste sono fatte passare tra i rami delle piante. Il procedimento richiede davvero molto tempo, tanta pazienza e una grandissima abilità. Basta pensare che per raccogliere tra i sette e gli otto grammi di hashish ci vogliono addirittura otto ore di tempo.

Anche se il procedimento è di per sé molto lungo, è piuttosto semplice. Le piante di canapa sono private delle foglie più grandi e le gemme sono scelte tra le migliori del raccolto. Ogni bocciolo è strofinato delicatamente tra le mani per fare in modo che i vari tricomi ( sottilissime escrescenze della pianta di canapa) che ricoprono la pianta, si attacchino in modo naturale alla pelle. Il lavoro va avanti per diverse ore e per molti passaggi, almeno fino a quando sull’epidermide non si è formato uno strato spesso, scuro e lucido di hashish legale. A questo punto il materiale è raschiato via dalle mani, grazie all’ausilio di un apposito strumento.

Il materiale raccolto è formato da una serie di piccoli riccioli scuri, che sono arrotolati per formare delle piccole palline, oppure dei sottili bastoncini. L’hashish legale che oggi è possibile trovare e comprare anche online è sottoposto a rigidi controlli. Deve rispettare rigorose norme igienico sanitarie e il contenuto di THC non deve superare i limiti consentiti dalla legge italiana. L’hashish in questo caso è un prodotto italiano e non proviene più dall’India, ma rimane comunque un prodotto del tutto naturale e privo di additivi chimici.

Caratteristiche: consistenza, colore e pastosità

Provenendo da piante di canapa diverse, anche l’hashish legale presenta caratteristiche ben distinte. Le diverse tipologie di prodotto si differenziano per colore, consistenza e pastosità. Infatti quando si tratta di consistenza, questa può essere più o meno pastosa e risultare semi-solida al tatto.

Anche il colore è un fattore distintivo. Le colorazioni dell’hashish variano dal giallo, al marrone, arrivando al nero e passando per il rossastro. Il ceppo genetico di derivazione della pianta di canapa influenza sensibilmente la durezza e la grana del prodotto. Ma non solo. Anche l’aroma sprigionato dal prodotto risulterà ben diverso a seconda della pianta di origine. Questo infatti spazia enormemente abbracciando aromi dolciastri e fruttati, ma toccando anche diverse note terrose, più consistenti e persistenti.

L’unica qualità che accomuna tutto l’hashish legale è la quantità di THC, sempre inferiore al limite stabilito dalla legge italiana. Ricchissimo di CBD ha notevoli proprietà benefiche, è un prodotto biologico al 100%, non danneggia la mente o il corpo e soprattutto non ha alcun effetto psicotropo.

Leggi di Più

Visualizzazione di 6 risultati

Open chat
Live chat