CANNABIS LEGALE

La cannabis light è una pianta appartenente al genere delle angiosperme della famiglia cannabis. In natura ne esistono diverse varietà, ciascuna delle quali presenta caratteristiche uniche e proprietà benefiche. Tra le specie maggiormente diffuse troviamo la: cannabis sativa, cannabis indica e cannabis ruderalis. Coltivazione, produzione, raccolto e lavorazione differiscono da specie a specie, come del resto anche le qualità morfologiche. Solo in una cosa queste varietà si trovano accomunate: l’alto contenuto di CBD.

Il CBD è una delle oltre 80 sostanze chimiche naturali contenute nella cannabis. Anche se la più conosciuta rimane purtroppo il THC, il cannabidiolo o CBD, è il secondo elemento maggiormente presente nelle varie infiorescenze. Nulla ha a che vedere con il cugino delta-9-tetraidrocannabinolo (detto comunemente THC, o tetraidrocannabinolo). Infatti il CBD è una sostanza assolutamente innocua, che non crea assuefazione, né dipendenza e non ha effetti collaterali.

Cannabis Light Italia: come imparare a riconoscerne la qualità

Quando si compra un prodotto è giusto prima conoscerlo. Le etichette molto spesso non raccontano l’intera storia del prodotto e non possono, per ragioni di spazio, elencarne ogni singola caratteristica. Quindi, prima di acquistare una qualità, piuttosto che un’altra, è bene valutarne ogni aspetto e fattore rilevante.

Nel caso della cannabis light i fattori valutabili sono:

  1. Aroma – conferito dai terpeni contenuti all’interno dei tricomi (piccoli cristalli bianchi semitrasparenti che ricoprono foglie e fiori della marijuana legale)
  2. Colore – è diverso a seconda della varietà, con sfumature che vanno dal verde chiaro, a quello profondo. In alcuni casi il colore può anche essere più o meno violaceo
  3. Tricomi – minuscoli cristalli bianchi semitrasparenti che ricoprono foglie e fiori. Da loro dipendono l’intensità e le proprietà dei fiori
  4. Struttura del fiore – le infiorescenze devono essere compatte, definite e chiuse. L’infiorescenza non deve lasciar vedere lo stelo. Non devono contenere semi, rametti e foglie
  5. Pistilli – a maturazione completata il loro colore deve essere arancione/marrone intenso passando per gradazioni rosso, rosa e viola
  6. Consistenza tattile – la cannabis light non deve risultare né troppo secca, né troppo umida. Nel primo caso si sbriciola e nel secondo si creano muffe.

Cannabis legale Italia: normativa e contenuto di THC

In Italia la legge che regolamenta la coltivazione di cannabis light è la n°246/2016. Questa stabilisce le disposizioni per la promozione della coltivazione e della filiera agroindustriale della canapa. Tra i vari articoli, ce ne sono alcuni che sanciscono i doveri dei coltivatori e il contenuto massimo di THC.

Tra gli obblighi ai quali i coltivatori devono sottostare c’è quello di acquistare sementi certificate a livello europeo e quello di dover conservare le etichette per almeno un anno dall’acquisto. Per quanto riguarda invece il contenuto in THC la legge ha stabilito che può essere ritenuta marijuana legale che presenti un livello di delta-9-tetraidrocannabinolo compreso tra lo 0,2% e lo 0,6%. Oltrepassate queste soglie, l’autorità giudiziaria ha facoltà di requisire e distruggere le coltivazioni.

Cannabis in Italia e CBD

Come detto inizialmente, il CBD è un metabolita della cannabis dalle molteplici proprietà benefiche. Contenuto naturalmente nelle infiorescenze dalla cannabis sativa legale, con il tempo le tecniche di coltivazione sono state perfezionate per produrre della cannabis light depotenziata in THC e potenziata di CBD.

Il CBD non è una sostanza psicoattiva, non crea assuefazione e non altera lo stato psico-fisico di chi l’assume. Non ha quindi alcun effetto su attenzione, umore, comportamento e percezione sensoriali. Non è una droga e non ha effetti collaterali.

Al contrario è un elemento dalle proprietà benefiche che ha rivelato avere effetti rilassanti, anticonvulsivanti, antidistonici, antiossidanti, antinfiammatori, favorisce il sonno ed è distensivo contro ansia e panico. Inoltre è in grado di ridurre la pressione endooculare ed è un promettente antipsicotico atipico.

Cannabis Light e coltivazione Outdoor

La cannabis light può essere coltivata sia indoor che outdoor. Entrambe le metodologie presentano dei vantaggi. Infatti nella coltivazione outdoor le piante di cannabis sativa legale risultano più grandi perché traggono i loro principi nutritivi direttamente dalla terra. Piante più grandi significa di conseguenza, un maggior numero di infiorescenze e quindi un raccolto molto più abbondante. Infine le piante di canapa sativa coltivate all’aria aperta, sotto la diretta e naturale luce solare, danno vita ad un raccolto particolarmente intenso dal punto di vista aromatico. Queste piante infatti producono delle infiorescenze molto aromatiche, dal profumo intenso, corposo e persistente, un altro livello rispetto alle coltivazioni indoor.

Ogni pianta è il risultato di incroci di almeno tre anni dalle piante madri originali. La selezione delle qualità genetiche è sottoposta ad un’attenta e scrupolosa analisi e assoggettata a continui e incessanti miglioramenti per produrre sempre e solo il meglio possibile. Ogni lotto coltivato e presentato nello shop di Canapaboom è regolarmente esaminato per assicurare al cliente finale un prodotto del tutto privo di muffe e semi. Allo stesso scrupoloso controllo è sottoposto il  trimming dell’erba light di Canapaboom. Ogni infiorescenza infatti è controllata meticolosamente per assicurare che non vi sia mai trovata alcuna presenza di foglie, anche se piccolissime.

Cannabis Light e coltivazione Indoor

La seconda tipologia di coltivazione e produzione di cannabis light Italia è quella indoor. Un metodo sempre più diffuso che porta ad ottimi risultati, perché la produzione è controllata totalmente, passo dopo passo. Temperatura, umidità, illuminazione, spazio, CO2, ecc… Ogni singolo aspetto è tenuto sotto controllo in modo tale da mantenere sempre i valori ottimali. Dalla coltivazione sono ricavate piante floride, alte e con abbondanti infiorescenze durante tutto l’anno, anche più volte l’anno. Quindi quantità e qualità superiori rispetto a qualunque altro metodo applicato.

Anche in questo caso la cannabis legale ottenuta è sempre sottoposta a rigorosi controlli di qualità prima di essere ritenuta valida alla vendita nello shop di Canapaboom.

Leggi di Più

Visualizzazione di 1-9 di 17 risultati

Open chat
Live chat